Seguici sui social

Piani di manutenzione

Spesso, dopo lo sforzo economico profuso per l'arredo di un'area urbana, subentra un periodo di utilizzo massivo da parte degli utenti che possono fruire di un prodotto nuovo e perfettamente funzionante. Con il trascorrere del tempo le strutture invecchiano, si logorano, i legni presentano i primi segni di fessurazione e i metalli di corrosione, talvolta rotture, atti di vandalismo. Dopo alcuni anni l'area è frequentata solo da pochi dei primi utenti, diventa preda degli agenti atmosferici e, dopo altri anni è inutilizzabile e crea problemi di igiene e ordine pubblici. Questo è un dato di fatto che, anche nell'immaginario collettivo, accomuna tante aree pubbliche e che sembra apparentemente inevitabile.
In realtà questo ciclo di vita del prodotto "parco" non solo può, ma, anzi, dev'essere sovvertito. Così come, quando si acquista un'automobile o un grosso elettrodomestico si stipulano le cosiddette estensioni di garanzia, così per i parchi si deve predisporre un Piano delle Manutenzioni, possibilmente prima dell'installazione delle strutture. In questo senso occorre un'evoluzione culturale da parte di ciascuno (fruitori, gestori, amministratori) che porti ad una piena coscienza di cosa sia la proprietà pubblica condivisa. Solo così si porrà fine agli atti di vandalismo e, cosa ben più importante, si eviterà di leggere sui quotidiani di tragedie capitate a sfortunati bambini vittime di qualche gioco logoro o di una superficie d'impatto costituita da sassi acuminati.

 

Ecco i principali vantaggi introdotti dall'adozione di un Piano delle Manutenzioni:

  • prolungamento della durata in vita del parco che accresce il valore dell'investimento iniziale
  • maggiore efficienza dell'area che implica maggiore ritorno economico, visibilità, immagine positiva per l'Ente/Privato
  • tutela della sicurezza dei fruitori e monitoraggio costante del rischio (il responsabile di eventuali incidenti è il gestore dell'area)

 

AR3 propone servizi di manutenzione personalizzata in funzione dell'affluenza di pubblico, del numero e dell'età delle strutture. Il piano prevede:

  • controlli ispettivi e operativi in linea con quanto richiesto dalla norma europea UNI EN 1176-7:2008 (sezione dedicata alle manutenzioni)
  • interventi svolti da personale qualificato con esperienza pluriennale nel settore
  • redazione per ogni area di un dossier che raccoglie tutti i report di intervento, inviati in copia al cliente che viene aggiornato in tempo reale
  • rilascio periodico da parte della nostra area tecnica di una dichiarazione attestante che l'area è in sicurezza e in linea con le norme europee
  • implementazione su questo sito di un'apposita sezione che consenta agli utenti di effettuare segnalazioni on-line su danni e rotture accidentali, sgravando così il gestore da tale incombenza
  • intervento in 24h durante i giorni lavorativi a seguito di segnalazioni on-line o telefoniche e ripristino della struttura o interdizione se sono richiesti interventi successivi
  • contratto con durata minima di un anno